La tua cooperativa energetica sostenibile
Area soci | Aderisci ora
Blog #WeForGreen #Share News

Un ufficio più green? E’ possibile, con qualche piccolo accorgimento

Essere più attenti all'ambiente è possibile in ogni occasione: basta riuscire a diffondere e attuare le proprie buone…

18/06/2015

18/06/2015Essere più attenti all’ambiente è possibile in ogni occasione: basta riuscire a diffondere e attuare le proprie buone abitudini ad ogni ora del giorno, in qualsiasi posto. Anche in ufficio è possibile se si tengono a mente alcune facili pratiche.
1) È importante riuscire ad installare dove possibile lampade a basso consumo, controllare il funzionamento e riduzione del flusso dei rubinetti, spegnere luci e impianti di riscaldamento/ raffreddamento nelle ore in cui l’ufficio è vuoto.
2) Dove possibile, è bene ridurre i consumi: per fare questo è necessario tenerli monitorati, capire dove si possono tagliare senza ottenere effetti negativi ed eliminare le inefficienze.
3) Impostare la stampante con fronte/retro e riutilizzare i fogli che non servono più prima di usarne di nuovi.
4) Portarsi borracce o riutilizzare le bottiglie d’acqua e i bicchieri in modo da limitare il consumo di plastica.
5) Scegliere fornitura green, come carta riciclata e prodotti ecologici (oggi sono disponibili per la maggior parte degli oggetti di cancelleria).
6) Effettuare la raccolta differenziata.
7) Se l’ufficio effettua un servizio mensa, accordarsi con le associazioni che recuperano il cibo avanzato e lo portano in centri sociali.
8) Per gli snack è preferibile portarsi da casa i cibi in tupperwares piuttosto che comprare snack confezionati in plastica.
9) Se si usa la macchina del caffè a capsule, scegliere quelle riciclabili.
10) Un tocco green: tenere delle piante in ufficio fa bene all’aria quanto all’arredamento!

2 risposte a “Un ufficio più green? E’ possibile, con qualche piccolo accorgimento”

  1. a parte questi piccoli accorgimenti, acquistare un ufficio di Classe A o riqualificare l’esistente con tripli vetri 4+16+4+16+4(+4 se antisfondamento) e generoso isolamento alle pareti e soffitto.

    Cordiali Saluti

    • Corretto Andrea, la migliore soluzione rimane quella di riuscire ad avere un immobile in Classe A, anche se non facile da trovare, o andare a migliorare la coibentazione e l’efficienza dello stesso con accorgimenti da te indicati. Alla base di ogni strategia oramai ci deve essere l’efficienza energetica che riduce consumi, costi e impatto sull’ambiente.
      Un saluto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito è protetto da reCAPTCHA, ed è soggetto alla Privacy Policy e ai Termini di utilizzo di Google.

Altri articoli che potrebbero interessarti

Blog #WeForGreen #Share Edilizia biosostenibile Innovazione sostenibile

Quartiere a emissioni zero a Milano: quando il design incontra la sostenibilità

09/04/2015 L’architetto Zaha Hadid ha progettato un nuovo quartiere a emissioni zero a Milano: sui 336.000 mq della zona della Fiera Campionaria, la star dell’architettura inglese-iraniana insieme ai colleghi David Libeskind e Arata Isozaki daranno vita ad una zona green con edifici altamente tecnologici e sostenibili. Il complesso residenziale di 225 appartamenti rivestito

Continua