Batterie al litio integrato, tre progetti tutti italiani

La Commissione Europea ha assegnato i finanziamenti per Importanti Progetti di Comune Interesse Europeo (IPCEI)


Midac Batteries SpA è tra le 42 aziende europee che beneficeranno degli investimenti europei per la produzione di batterie di nuova generazione e potrà così realizzare i suoi tre progetti che la porteranno a costituire il primo impianto di produzione di batterie al litio integrato in Italia.

L’IPCEI è il progetto europeo che mira a creare una catena del valore sostenibile e innovativa attraverso la produzione di materie prime, celle, moduli e sistemi di batterie di nuova generazione contribuendo alla transizione verde e digitale che l’Europa vuole intraprendere e al raggiungimento della neutralità climatica nel 2050.

Il primo dei tre progetti di Midac è destinato a ridurre l’impatto ambientale delle batterie esauste e incrementare del 30% il riutilizzo dei materiali selezionando e recuperando le batterie a fine vita. Successivamente, mediante il secondo progetto, Midac svilupperà un nuovo impianto di produzione delle celle basato sulle più moderne tecnologie che garantiscono ricariche più veloci e un incremento dell’autonomia e della sicurezza. L’ultimo progetto invece permetterà di allungare la vita delle batterie mediante l’ausilio di sistemi di intelligenza artificiale. 

Fondata nel 1989, Midac SpA è al primo posto in Italia e in Europa per la produzione di batterie industriali per carrelli elevatori e sta iniziando a ritagliarsi uno spazio anche a livello mondiale. “Siamo entusiasti ed orgogliosi di poter fornire, anche grazie a questo progetto, il nostro contributo per lo sviluppo della filiera tecnologica del litio in Europa – sottolinea il Presidente di Midac SpA Filippo Girardie di poter continuare a perseguire i nostri obiettivi di innovazione e sostenibilità ambientale nel comparto delle batterie.”

Foto da PublicDomainPictures da Pixabay

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito è protetto da reCAPTCHA, ed è soggetto alla Privacy Policy e ai Termini di utilizzo di Google.