Frieco per una gestione dei rifiuti innovativa

Una tecnologia sostenibile, nel rispetto dell’economia circolare


Frieco Società Benefit, è una startup innovativa fondata nel 2018 con l’obiettivo di creare prodotti e servizi innovativi partendo da rifiuti inorganici, che siano a beneficio della comunità e dell’ambiente nel pieno rispetto dell’economia circolare.

L’idea nasce da due fratelli, i fratelli Frisina che si sono impegnati fortemente nella ricerca e sviluppo di uno strumento nuovo che fosse in grado di ridurre l’ingente volume dei rifiuti che tutti noi produciamo ogni giorno e così nel 2014 riuscirono a brevettare la loro creazione.I due fratelli hanno infatti studiato il mercato e hanno notato la necessità di realizzare soluzioni di supporto alle attività commerciale e ai privati nella gestione soprattutto di rifiuti inorganici. A seguito di questa analisi è dunque stata brevettata la loro innovativa apparecchiatura che ad una una tecnologia di triturazione, riesce in un lasso di tempo molto breve a ridurre il volume dei rifiuti inorganici di oltre il 95%. La startup vuole però offrire un servizio completo a tutti i tipi di organizzazione a prescindere dal settore in cui operano: partendo dall’analisi originaria della tipologia di rifiuti prodotti dalla specifica organizzazione, fino a definire un servizio personalizzato in termini di numero di apparecchiature da installare e di numero di ritiro di ciò che rimane. Tutto il materiale triturato viene infatti prelevato e trasferito in un centro di Frieco, per inserirlo in un nuovo ciclo produttivo e ridare una seconda vita a quelli che sarebbero stati invece rifiuti.

In qualità di società benefit, Frieco opera con l’obiettivo di generare valore condiviso, il primo vantaggio è sicuramente ridurre drasticamente lo spazio che i rifiuti occuperebbero sul nostro pianeta con tutte le conseguenze che ne derivano, inoltre permettono di ridurre le tasse comunali che si andrebbero a pagare e a drastica diminuzione del volume dei rifiuti, permette ai mezzi di trasporto di effettuare meno viaggi e quindi di ridurre le emissioni di CO2 nell’atmosfera che questi mezzi causerebbero.

Foto dal sito https://www.frieco.it/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.