Google e Lego scelgono la forza del vento: i mega investimenti sull’eolico

Google e Lego, i giganti che puntano sull’energia sostenibile

Sempre di più multinazionali e grandi gruppi scelgono di fare una svolta sostenibile e convertirsi alle energie rinnovabili. E’ il caso anche di GoogleLego, che finanzieranno due dei più grandi progetti eolici del prossimo anno.

Google, dopo aver supportato consistentemente il fotovoltaico residenziale, parte con un progetto importante sull’eolico: il gigante californiano ha infatti dichiarato di voler acquisire una quota pari al 12,5% di quello che diventerà il più grande parco eolico d’Africa, la cui costruzione è stata confermata a luglio. Situato il Kenya, il Lake Turkana Wind Power sarà costituito da 365 turbine, con una potenza complessiva di 320 MW, ovvero la potenza necessaria a rifornire di elettricità circa due milioni di famiglie. Il progetto è stato ideato dallo Stato africano per fornire di energia rinnovabile i cittadini kenyoti, e Google è entrato a far parte del pool di investitori che permetteranno la realizzazione del progetto. Come dichiarato su un blog del sito, gli investimenti sulle rinnovabili di Google “non hanno solo un motivo affaristico, possono anche contribuire ad accelerare la diffusione delle energie rinnovabili a livello globale” .

Lego invece ha investito sull’eolico offshore, comprando il 31,5% delle azioni del parco da 277MW Borkum Riffgrund 1, situato a 37 km dall’isola tedesca di Borkum. L’investimento sulle 78 turbine del parco fanno parte di una strategia di sostenibilità ben delineata. In passato Lego era stato accusato da Greenpeace per la partnership con Shell: negli ultimi anni invece la casa danese dei famosi mattoncini ha preso una direzione di marcia radicalmente opposta. Rotti i rapporti con Shell, oggi l’obiettivo di Lego è quello di arrivare ad approvvigionarsi per il 100% con energie rinnovabili entro il 2020.

Questo messaggio passa sia attraverso gli investimenti che Lego sta attuando, come quello sul parco eolico di Borkum, sia attraverso il messaggio che passa con i suoi giochi ai bambini di tutto il mondo. Esiste infatti una linea Lego Education, che permette di costruire un mini pannello fotovoltaico e una mini pala eolica, per imparare le rinnovabili divertendosi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito è protetto da reCAPTCHA, ed è soggetto alla Privacy Policy e ai Termini di utilizzo di Google.