La doccia “circolare” che ricicla l’acqua

Da IKEA e Flow Loop nasce l’idea di un dispositivo di risparmio idrico che ricicla l’acqua mentre ci si fa la doccia.

Anche farsi la doccia potrebbe diventare un’azione “circolare” grazie ad un innovativo progetto che sta prendendo piede dalla collaborazione tra IKEA, il colosso del mobilio svedese e Flow Loop, start-up danese specializzata in tecnologie rivolte all’efficientamento idrico.

A livello globale, l’uso residenziale è responsabile del 10% del consumo complessivo di acqua ed è aumentato del 600% negli ultimi 50 anni. Quindi era arrivato il momento di agire ed i due brand hanno iniziato a collaborare per progettare un sistema in grado non solo di far risparmiare acqua, ma anche di riciclarla adattandosi facilmente agli spazi doccia già esistenti nelle case delle persone. 

Il nostro team ha fatto grandi progressi insieme a Flow Loop durante la collaborazione degli ultimi due anni. Il nostro viaggio punta a rendere questa ‘doccia del futuro’ conveniente e accessibile per il maggior numero possibile di clienti“, ha raccontato Robert Carleke, Innovation Ventures Manager all’IKEA di Svezia.

Come funziona il sistema?

IKEA non ha ancora condiviso molto su come funziona questa tecnologia, ma sul suo sito internet, Flow Loop racconta questa tecnologia come una soluzione che necessita di poca manutenzione ed è in grado di garantire una doccia circolare garantendo una purificazione dell’acqua attraverso l’utilizzo di luce UV, in grado di eliminare il 99,999% di batteri, virus e microrganismi vari, intrappolandoli in un doppio strato di filtri. 

Il sistema sperimentato da Flow Loop, a partire dal quale si sta sviluppando il prototipo IKEA, è dotato di un’intelligenza artificiale che segnala quanta acqua è stata riciclata nel corso di ogni doccia, così da rendere gli utenti consapevoli non solo del proprio risparmio idrico ma anche di quello economico che ne consegue.

Commenti 1

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito è protetto da reCAPTCHA, ed è soggetto alla Privacy Policy e ai Termini di utilizzo di Google.