Carburante per aerei da idrogeno verde e CO2

La norvegese Norsk e-Fuel sta pianificando il primo impianto commerciale europeo per la produzione di combustibile rinnovabile per l’aviazione


In Norvegia è nato il consorzio industriale Norsk e-Fuel con l’obiettivo di tagliare il peso climatico dell’aviazione. Il gruppo ha annunciato la realizzazione del primo impianto commerciale europeo per la produzione di carburante per aerei “rinnovabile”; una caratteristica garantita dalle materie prime impiegate: idrogeno, generato da acqua ed energia pulita, e CO2 catturata direttamente dall’atmosfera.

La struttura entrerà in funzione nel 2023 con una capacità produttiva di 10 milioni di litri l’anno di combustibile avio.

Il progetto ha messo insieme le abilità e il know how di 4 differenti realtà, tra cui Climeworks società attiva nel campo della cattura e riutilizzo della CO2 e Norsk Vind, il più grande sviluppatore privato di energia eolica in Norvegia.

Utilizzando un processo di co-elettrolisi in un’unica fase, la tecnologia Power-to-Liquid (PtL) rompe le molecole d’acqua e aggiunge all’idrogeno così prodotto, la CO2 atmosferica per ottenere syngas. La miscela viene quindi trasformata e raffinata fino ad ottenere carburante per aerei certificati. E il prodotto finale può essere utilizzato direttamente nelle infrastrutture e nei velivoli esistenti. 

Puntare su un carburante per aerei rinnovabile potrebbe costituire una buona strategia di transizione. Secondo i calcoli del consorzio, lo stabilimento a Herøya potrebbe già permettere di risparmiare 250.000 tonnellate di biossido di carbonio l’anno.

Foto di Free-Photos da Pixabay 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *