Dynamik Space, la ristorazione diventa sostenibile

Un nuovo concetto di ristorazione che attraverso spazi per l’agricoltura indoor vuole avvicinare il consumatore agli ingredienti del piatto che ordina 


Si chiama Dynamik Space ed è uno studio di architettura di Seattle, negli USA, che progetta spazi per l’agricoltura indoor a forte connotazione tecnologica. Uno degli ultimi progetti realizzati si chiama “Where grains & green meet”, una vetrina di alimenti touchless (un dispositivo che funziona con suoni o movimenti) con un orto interno che fornisce ai clienti gli ingredienti freschi. L’obiettivo è fornire ai consumatori un’educazione alimentare in un modo dinamico e coinvolgente. 

Melanie Corey-Ferrini, fondatrice di Dynamik Space, ha partecipato al contest Foodservice Pioneering Concept (FPC) con lo scopo di ideare un servizio di ristorazione in luoghi non tradizionali e non attrezzati per la ristorazione, con un accesso all’acqua limitato e senza connessioni per gas e ventilazione. Hanno presentato un progetto per un concetto nuovo di ristorazione, dove il cliente è coinvolto in prima persona in un menù che diventa sostenibile dal punto di vista ambientale.

Dynamik Space collabora inoltre con organizzazioni locali, come Soroptimist Seattle, per insegnare agli adulti come utilizzare gli orti urbani e coltivare il proprio cibo, diventando più autosufficienti dal punto di vista alimentare ed economico. Il Covid-19 ha infatti precipitato nell’insicurezza alimentare circa 2,2 milioni di persone nella sola Washington, coltivare un orto urbano potrebbe essere una forma di sostegno.

Foto di StockSnap da Pixabay

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *