La tua cooperativa energetica sostenibile
Area soci | Aderisci ora
Blog #WeForGreen #Share Innovazione sostenibile Riciclo e riuso Tutela delle risorse naturali

Giornata internazionale dei rifiuti elettronici

Il 14 ottobre è la Giornata internazionale dedicata alla raccolta dei rifiuti elettronici, ricchezza “invisibile” di cui ognuno…

05/10/2023

Il 14 ottobre è la Giornata internazionale dedicata alla raccolta dei rifiuti elettronici, ricchezza “invisibile” di cui ognuno di noi dispone.

05/10/2023Entro il 2023, secondo le Nazioni Unite, ognuno di noi produrrà una media di 8 kg di rifiuti elettronici, un dato allarmante che si traduce in una montagna di 61,3 milioni di tonnellate di cosiddetti e-waste sparsi per il mondo.

Ma qual è il problema? Solo il 17,4% di questi rifiuti, che per la maggior parte consiste in una miscela di sostanze nocive e materiali preziosi, verrà raccolto, trattato e riciclato a livello globale. Il resto, ovvero ben 50,6 milioni di tonnellate, finirà in discariche, verrà bruciato o entrerà nel mercato nero, dove il trattamento non rispetta gli standard di sicurezza, o semplicemente si accumulerà nelle nostre case. 

Anche in Europa, continente noto per essere un leader mondiale nel riciclaggio degli e-waste, solo il 54% di questi rifiuti viene ufficialmente raccolto e riciclato, ed è proprio la mancanza di consapevolezza pubblica ad ostacolare il progresso verso economie circolari per i dispositivi elettronici.

Giornata internazionale dei rifiuti elettronici: illuminiamo i rifiuti invisibili

Ogni 14 ottobre, il mondo celebra la Giornata internazionale dei rifiuti elettronici. Questa iniziativa, promossa dal Forum RAEE e dai suoi membri, mira a porre l’attenzione sulla gestione responsabile dei rifiuti elettronici. 

Il tema di quest’anno sono appunto i rifiuti elettronici “invisibili”, come spine, batterie o cavi, che troppo spesso sfuggono all’attenzione delle persone a causa della loro natura o del loro aspetto, sottovalutandone il potenziale riciclabile e non venendo correttamente riciclati nel flusso di rifiuti dedicato. 

Esempi comuni di questi oggetti “invisibili” includono giocattoli elettrici, sigarette elettroniche, utensili elettrici, rilevatori di fumo, dispositivi indossabili, gadget per la casa intelligente, biciclette elettriche, scooter elettrici o semplicemente cavi.

Perché i rifiuti elettronici invisibili rappresentano un problema?

Uno studio condotto nel 2022 dai membri dell’UNITAR e del WEEE Forum in sei paesi (Regno Unito, Italia, Portogallo, Romania, Slovenia e Paesi Bassi) ha rivelato dati allarmanti. In media, una famiglia conserva in media 13 prodotti elettronici su 74 totali, tra cui 9 ancora funzionanti ma inutilizzati e 4 rotti. Prodotti elettronici di consumo di piccole dimensioni e accessori, spesso non riconosciuti come rifiuti elettronici, sono i principali candidati all’accumulo. 

La corretta gestione degli e-waste diventa quindi fondamentale perché i dispositivi elettronici contengono sia sostanze pericolose come piombo, mercurio, cadmio e ritardanti di fiamma, che possono contaminare il suolo e le fonti d’acqua, danneggiando gli ecosistemi e mettendo a rischio la salute umana, sia risorse preziose come oro, argento e rame, così come elementi rari e strategici, cruciali per la transizione verde e la produzione di nuovi dispositivi elettronici.

 Quando i rifiuti elettronici non vengono riciclati correttamente, queste risorse vengono sprecate, contribuendo all’esaurimento delle risorse limitate e all’incremento dei danni ambientali.

Unisciti alla Giornata Internazionale degli E-Waste!

La Giornata Internazionale degli E-Waste è un’occasione per aumentare la consapevolezza sul problema crescente dei rifiuti elettronici. L’anno scorso, 194 organizzazioni provenienti da 72 paesi e sei continenti si sono unite all’iniziativa, con molte altre che hanno promosso la causa attraverso attività online, notizie e campagne. 

Anche quest’anno, il 14 ottobre 2023, il #ewasteday torna, e qualsiasi iniziativa legata alla sensibilizzazione sui rifiuti elettronici è invitata a partecipare. Dalle reti sociali alle campagne televisive e radiofoniche, dalle raccolte di e-waste nelle città e nelle scuole alle performance artistiche, ogni contributo è importante.

Se la tua organizzazione è sensibile alla questione degli e-waste e vuole partecipare, non esitare a registrarti qui

Ricordiamoci che riciclare, riutilizzare e smaltire in modo responsabile i nostri dispositivi elettronici è un passo essenziale per un futuro più sostenibile e per preservare il nostro pianeta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito è protetto da reCAPTCHA, ed è soggetto alla Privacy Policy e ai Termini di utilizzo di Google.

Altri articoli che potrebbero interessarti

Blog #WeForGreen #Share Innovazione sostenibile Mobilità sostenibile

«Bike sharing, energy sharing… Perché no!»

08/05/2014 Il modello dello sharing, ovvero della condivisione, rappresenta oggi una soluzione sostenibile per lo sviluppo di una nuova economia, la green economy. «Lo sharing può essere considerato un baratto del ventunesimo secolo» racconta Gabriele Nicolis, consigliere della Cooperativa WeForGreen. «Il baratto dell'era "social" è sicuramente un modo per utilizzare al meglio le risorse e preservare il pianeta. Spesso quando sento parlare di sharing si pensa a qualcosa che abbia un fine meno di sviluppo e più di conservazione. Io credo invece che lo sharing, la condivisione, sia un sistema utile per valutare bene le proprie azioni».

Continua