Indipendenza energetica

Indipendenza energetica, la soluzione di WeForGreen

Ecco come la nostra Comunità energetica contribuisce all’indipendenza energetica

L’indipendenza energetica consiste nel coprire autonomamente i consumi di energia elettrica della propria abitazione ed essere così autosufficienti ed autonomi rispetto al mercato energetico tradizionale. Essere indipendenti dal punto di vista energetico significa anche risentire in maniera più marginale delle oscillazioni del prezzo di borsa dell’energia.

Da 11 anni ormai abbiamo intrapreso un percorso che permette ai nostri soci di raggiungere l’indipendenza energetica. I nostri sforzi da soli non bastano, ma sicuramente contribuiscono a mettere in evidenza come un cambiamento sia necessario e possibile” afferma Riccardo Tessari, Vice Presidente WeForGreen.

Non sempre è possibile raggiungere l’indipendenza energetica in autonomia perché non tutti hanno la possibilità di installare un proprio impianto fotovoltaico. Proprio per questo contribuire “a distanza” alla realizzazione di impianti fotovoltaici può essere la soluzione per chiunque abiti in condominio. “Attraverso i nostri progetti, diamo la possibilità a chiunque di godere di energia 100% rinnovabile senza dover mettere a disposizione alcuno spazio fisico” aggiunte Tessari.

L’ indipendenza energetica e il prezzo dell’energia

Il prezzo di borsa dell’energia (PUN, Prezzo Unico Nazionale) nel 2022 ha raggiunto dei valori che non si erano mai visti prima. Ad oggi il suo valore medio per il 2022 è 0,31 €/kWh quando invece nel biennio 2020-2021 il PUN medio è stato attorno a 0,08 €/kWh. In sostanza, il valore del PUN nel 2022 è quadruplicato rispetto al biennio 2020-2021.

Gli incrementi maggiori si sono registrati nei mesi appena trascorsi, luglio e agosto. A luglio il valore medio del PUN è stato 0,44 €/kWh mentre invece ad agosto la media ha toccato i 0,54 €/kWh con picchi che hanno raggiunto in alcuni momenti anche il valore di 0,87 €/kWh: un valore 10 volte più grande rispetto al prezzo di borsa dell’energia del biennio 2020-2021.

Questi aumenti si traducono in un costo maggiore della nostra bolletta domestica. Prendiamo ad esempio la bolletta di una famiglia che in media consuma 250 kWh al mese. Nel mese di giugno 2022 la sua bolletta (prendendo in considerazione anche i costi aggiuntivi legati alla rete e alle tasse) era di circa € 115, a luglio 2022 la sua spesa totale è stata di circa € 170 mentre ad agosto ha speso circa € 200. In due mesi il costo è aumentato circa del 68%.

A livello normativo si stanno ricercando delle soluzioni per l’aumento del prezzo dell’energia, tra cui la possibilità di slegare la produzione di energia dal gas. L’indipendenza energetica, infatti, potrebbe essere raggiunta anche grazie alla diversificazione delle fonti di produzione energetica. Con i suoi progetti di impianti fotovoltaici, WeForGreen si sta muovendo per poter contribuire alla produzione di energia da fonte rinnovabile.

In questo modo, partecipare alla comunità energetica WeForGreen, aggiunge al consumo di energia rinnovabile anche il vantaggio di potersi sganciare dalle logiche di mercato del prezzo dell’energia andando a calmierare il costo in bolletta.

Rinnovata fiducia per il modello WeForGreen

L’efficacia del modello WeForGreen è riconosciuta dai nostri soci che ancora una volta rinnovano la fiducia nei nostri progetti di autoproduzione energetica. All’inizio dell’estate abbiamo avviato la raccolta quote per due nuovi progetti di autoproduzione e ad oggi circa metà delle quote a disposizione sono state sottoscritte” continua Tessari.

“Gli impianti dei nuovi progetti WeForGreen saranno costruiti sui tetti delle imprese che vogliono consumare energia rinnovabile autoprodotta in modo da calmierare i costi di una parte del loro consumo energetico. Diverse realtà si sono già messe in contatto con noi per poter mettere a disposizione i propri spazi ed entrare a far parte della Comunità energetica WeForGreen tant’è che abbiamo in programma di aumentare la disponibilità di quote così da poter realizzare tutti i progetti necessari” conclude Tessari.

Clicca qui per poter partecipare ai progetti di produzione WeForGreen e contribuire così all’indipendenza energetica!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito è protetto da reCAPTCHA, ed è soggetto alla Privacy Policy e ai Termini di utilizzo di Google.