La candidatura della bicicletta al Nobel per la Pace

Caterpillar, il programma radiofonico di Radio2, ha proposto un soggetto molto particolare per la candidatura al Premio Nobel per la Pace 2016: la bicicletta.

Di primo acchito la cosa può sembrare strana, ma se ci si sofferma a riflettere sull’utilizzo di questo mezzo e alle sue conseguenze, la candidatura appare ben meritata: la bicicletta è il mezzo per eccellenza della mobilità sostenibile perché non inquina; è un mezzo democratico, accessibile a tutti indipendentemente dal reddito; causa meno incidenti stradali, rende autonomi i bambini, e per finire cambia il modello di sviluppo: per ogni km percorso in bicicletta la società risparmia 16 cent€, mentre per ogni litro di benzina consumata viene creato un danno di 10cent€.

La scelta suona come provocazione, ma conferire il rinomato premio ad un oggetto come la bicicletta può mandare un messaggio forte al mondo e trasformare il Nobel in un mezzo per indicare soluzioni accessibili ai problemi del mondo, oltre che rendere famosi chi le soluzioni le trova. Per maggiori informazioni e per aderire alla campagna, potete consultare la pagina dedicata di Radio2.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito è protetto da reCAPTCHA, ed è soggetto alla Privacy Policy e ai Termini di utilizzo di Google.