Le batterie eco-sostenibili che non ti aspetti

Quando le soluzioni per produrre energia arrivano dal genio umano e la forza della natura.

In giro per il mondo esistono numerosi fortunati esempi di come la natura possa darci una mano senza essere compromessa per soddisfare il nostro fabbisogno energetico. Oggi ve ne raccontiamo alcuni.

In Germania, la caverna di Huntorf è un contenitore naturale di gas capace di fornire energia nella città limitrofa, venendo a utilizzata come mega batteria naturale.

Nel deserto del Nevada, a Tonopah nel mezzo di una distesa di rocce spuntano migliaia di pannelli solari. In questo caso è l’uomo ad aver modificato un ambiente naturale, ma questa intromissione è servita a dare energia a circa 75mila case nei dintorni per oltre 10 ore, sfruttando la risorsa rinnovabile per eccellenza: il sole.

Sulla piccola isola di Kodiac in Alaska una grande intuizione è nata da una necessità. Era giunto il momento di sostituire una gru alimentata a diesel con una più potente, elettrica. Così si è pensato di costruire una turbina-gru ad energia eolica, che muovendosi crea elettricità per se e per il paese.

I laghi Marchlyn Mawr e Peris sono una vera e propria fonte di sicurezza energetica, infatti se il Galles dovesse andare in blackout, ci penserebbero loro. I due laghi sono posizionati il primo in cima ad una montagna ed il secondo in valle. Sfruttando la scesa in valle per produrre energia attraverso delle turbine, i due laghi sono stati trasformati in batterie eco-ricaricabili.

In California esiste un treno che sfrutta la forza di gravità. La startup californiana Advanced Rail Energy Storage ha riempito un treno di pietre, lo ha posizionato in cima ad una strada in pendenza e poi lo ha lasciato arrivare fino a valle, usando le ruote per produrre energia elettrica.

A New York infine, esiste un edificio che si alimenta a ghiaccio. Durante la notte infatti, un impianto unisce l’acqua a un liquido antigelo, la fa diventare ghiaccio e lo conserva per il mattino successivo, quando verrà sciolto per entrare nell’impianto di aria condizionata.

Conoscete altri esempi di sinergia fra uomo e natura per la produzione di energia “pulita”? Raccontateceli!

Comments 5

  1. scusate ma non capisco l’esempio del treno in California, per riportare il treno a monte probabilmente si impiegherà più energia di quella prodotta nella discesa, oppure sbaglio?
    grazie, saluti
    Andrea

    1. Post
      Author

      Buonasera Andrea, ottima osservazione.
      In effetti questo sistema di produzione energetica viene impiegato per far fronte a delle improvvise necessità dovute a momentanee interruzioni da parte degli impianti di produzione più comuni (fotovoltaico ed eolico). La rimando al link: http://www.aresnorthamerica.com/grid-scale-energy-storage, che spiega molto bene come questi pesanti “treni” vengano lasciati “cadere” a valle in momenti di necessità energetica, e poi riportati a monte in momenti in cui ci sono notevoli surplus di produzione.
      Un saluto!

  2. In svizzera ho visto e usato una funicolare ad acqua. Carica e scarica il serbatoio sotto la cabina che scende che fa da contrappeso per l’altra cabina che sale .
    Zero consumo di energie fossili. Semplicità unica di costruzione e manutenzione !
    L’unico limite è avere tanta acqua a disposizione alla fermata più in alto.

    1. Post
      Author

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito è protetto da reCAPTCHA, ed è soggetto alla Privacy Policy e ai Termini di utilizzo di Google.