La tua cooperativa energetica sostenibile
Area soci | Aderisci ora
Blog #WeForGreen #Share Innovazione sostenibile Riciclo e riuso

Una seconda vita green per le mascherine usate

Un gruppo di ricercatori testa l’uso di mascherine di protezione usa e getta per aggiungere rigidità e resistenza…

01/04/2021
Un gruppo di ricercatori testa l’uso di mascherine di protezione usa e getta per aggiungere rigidità e resistenza agli strati di strade e marciapiedi


Alla RMIT University in Australia, un gruppo di scienziati sta testando l’utilizzo del materiale ottenuto dalle mascherine chirurgiche nella pavimentazione stradale. Dall’inizio della pandemia di Covid-19 infatti, la produzione di massa di mascherine usa e getta ha reso necessario anche lo sviluppo di piani per il loro riciclo, in modo da fronteggiare il grande quantitativo di rifiuti non differenziabili che vengono prodotti ogni giorno in ogni parte del pianeta al fine di prevenire i contagi. 

Il pavimento stradale è normalmente costituito da quattro strati: fondo, base, legante e asfalto. Ognuno di questi deve essere sia resistente che flessibile per sopportare le pressioni dei veicoli pesanti e non franare. In questa struttura già da tempo vengono impiegati i rifiuti edilizi, sotto forma di aggregati di calcestruzzo riciclato (ACR).

Il progetto dei ricercatori australiani prevede di aggiungere le mascherine e i guanti usati all’ACR dopo averli sminuzzati adeguatamente, testando diverse percentuali. I risultati individuati evidenziano che la miscela ideale prevede l’1% di rifiuti di mascherine con il 99% di ACR. Il prodotto finale che ne consegue è perfettamente conforme agli standard di ingegneria civile richiesti per le pavimentazioni. Inoltre la loro aggiunta migliora duttilità e flessibilità della miscela.

“La ricerca ha esaminato la fattibilità del riciclo di mascherine facciali monouso nelle strade. Siamo stati entusiasti di scoprire che non solo funziona, ma offre anche vantaggi ingegneristici reali”, ha spiegato il Dottor Mohammad Saberian, primo autore dello studio. “Ci auguriamo che ciò apra la porta ad ulteriori ricerche, elaborando modi per gestire i rischi sanitari […] su larga scala e indagando se altri tipi di DPI siano adatti al riciclaggio”.

01/04/2021Foto di Fabrizio_65 da Pixabay

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito è protetto da reCAPTCHA, ed è soggetto alla Privacy Policy e ai Termini di utilizzo di Google.

Altri articoli che potrebbero interessarti

Blog #WeForGreen #Share News

I Social sposano le buone pratiche per migliorare il nostro pianeta

13/11/2014 È nato Contiamoci, un nuovo ed interessante connubio tra tecnologia e salvaguardia del pianeta. A metà strada fra community e social network, Contiamoci mette in rete idee e soluzioni per le buone pratiche giornaliere finalizzate a ridurre i danni che quotidianamente provochiamo all'ambiente. Le Green action che il sito propone provengono da idee e consigli condivisi dagli utenti della community, suddivisi in molteplici categorie di interesse, che vanno a toccare anche temi come l’efficienza energetica, il riciclo e la mobilità consapevole.

Continua
Blog #WeForGreen #Share Cibo sostenibile Innovazione sostenibile

Il fenomeno del Food Sharing o “Re-Food”: come evitare gli sprechi di cibo in modo creativo

05/03/2015 A Torino è stata lanciata un’iniziativa per limitare gli sprechi di cibo: “Re-food, Cibo in Ricreazione” è il nome dell’evento organizzato dall’associazione culturale Qubì. L’esigenza è quella di “reinventare” e recuperare il cibo in eccedenza attraverso una serie di progetti, momenti di incontro e pasti condivisi.

Continua