Anche il biologico viene regolamentato

Nuova legge per il settore biologico italiano


Il Senato ha approvato definitivamente la legge che prevede nuove disposizioni per la tutela, lo sviluppo e la competitività della produzione agricola, agroalimentare e dell’acquacoltura con metodo biologico, dando così avvio alla  legge che regola il settore della produzione biologica italiana.

La prima novità riguarda sicuramente la definizione, ovvero la produzione biologica viene definita attività di interesse nazionale con funzione sociale e ambientale. In conseguenza di questa novità, è stato definitivo l‘utilizzo di un marchio che attesti che il prodotto ottenuto con metodologie biologiche e realizzato con materie prime coltivate o allevate in Italia, è quindi definibile un prodotto biologico italiano. Un’altra azione istituita è l’adozione di un Piano d’azione nazionale per sostenere la produzione e lo sviluppo del biologico italiano. Infine il provvedimento istituisce il Fondo per lo sviluppo della produzione biologica, finalizzato al  finanziamento  di  programmi annuali, nazionali e regionali, di ricerca in materia di agricoltura biologica e di sicurezza e salubrità degli alimenti.

“Dopo ben 13 anni di attesa l’Italia ha finalmente la sua legge sul biologico – ha affermato il sottosegretario al ministero delle Politiche agricole Francesco Battistoni – Una giornata storica e un traguardo significativo per il comparto agroalimentare e per tutte le filiere collegate che, con l’approvazione della legge, vedranno introdotte importanti novità”.

Foto di Mark Stebnicki da Pexels

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito è protetto da reCAPTCHA, ed è soggetto alla Privacy Policy e ai Termini di utilizzo di Google.