La tua cooperativa energetica sostenibile
Area Soci | Aderisci a WeForGreen
Blog #WeForGreen #Share News

Approvato in Italia un documento per ratificare gli accordi della COP21

L’accordo sul clima raggiunto a Parigi a fine 2015 torna a farsi sentire nelle aule italiane: il Consiglio…

18/02/2016

18/02/2016L’accordo sul clima raggiunto a Parigi a fine 2015 torna a farsi sentire nelle aule italiane: il Consiglio Nazionale della Green Economy ha infatti approvato un documento che chiede al  governo e al parlamento di mettere in atto un piano d’azione nazionale per l’energia e che indica le soluzioni necessarie per limitare l’innalzamento delle temperatura entro 1,5 gradi centigradi. Le soluzioni presentate sono le seguenti:
• incrementare l’efficienza e il risparmio energetico;
• incrementare l’utilizzo e lo sviluppo nazionale di fonti energetiche rinnovabili;
• mettere in pratica e diffondere un modello di circular economy basato sul riuso e il riciclo;
• promuovere una mobilità e un’edilizia sostenibile;
• migliore gestione dei parchi, delle foreste e dei beni naturali per facilitare l’assorbimento di CO2
• rafforzare il turismo valorizzando e tutelando il patrimonio naturale italiano.

L’Italia in questo modo si qualifica come uno dei primi paesi europei a tradurre in impegni pratici le decisioni in ambito climatico che sono state affrontate durante il summit mondiale di Parigi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito è protetto da reCAPTCHA, ed è soggetto alla Privacy Policy e ai Termini di utilizzo di Google.

Altri articoli che potrebbero interessarti

Blog #WeForGreen #Share News

Climate Summit 2014: obbiettivo salvare il mondo!

02/10/2014 A conclusione dell’atteso vertice Onu sul clima, tenutosi il 23 settembre in una New York in pieno fermento green, gli spunti e le buone intenzioni da cui ripartire sono molti. Dopo il fallimentare congresso ambientale di Copenaghen, andato in scena nell’ormai lontano 2009, la situazione climatica mondiale si è ulteriormente irrigidita, peggiorando nel corso del tempo sotto numerosi aspetti, quindi questa è probabilmente una delle ultime, se non l’ultima, possibilità che i governi mondiali hanno tra le mani per intervenire su le sorti del nostro pianeta.

Continua