FiberCatcher®, filtraggio e raccolta delle microplastiche tessili

Per risolvere il problema delle microplastiche negli oceani si può partire dalle nostre case.

Le microplastiche sono particelle di plastica di grandezza inferiore ai 5 millimetri che non riescono ad essere trattenute dai sistemi di depurazione e arrivano in mare, venendo ingerite dai pesci.

Grundig, grande marchio degli elettrodomestici, da tempo mette la propria tecnologia a disposizione della tutela ambientale e per rispondere al grave problema della presenza delle microplastiche nei nostri mari, ha deciso di unire le sue forze a quelle di Marevivo, associazione ambientalista riconosciuta dal Ministero dell’Ambiente che si occupa della difesa del mare da oltre 30 anni., in un progetto di informazione e sensibilizzazione sull’emergenza microfibre.

Attraverso l’introduzione sul mercato del primissimo filtro FiberCatcher®, innovativo sistema di filtraggio, integrato nelle lavatrici Grundig di ultima generazione, si mira a trattenere e raccogliere oltre il 90% delle microfibre dei tessuti rilasciate durante i lavaggi che, altrimenti, andrebbero disperse nell’ambiente, inquinando acqua e suolo e assorbite negli alimenti di cui ci nutriamo.

Comunicare per sensibilizzare

I due partner hanno lanciato anche una campagna digitale di comunicazione che ha l’obiettivo di informare il pubblico su quella che è per le Nazioni Unite una delle 6 urgenze mondiali per l’ambiente:

  • ogni lavaggio in lavatrice di un tessuto sintetico produce 700.000 microfibre di plastica, che entrano nella catena alimentare dei pesci per finire nei nostri piatti
  • si calcola che ognuno di noi ingerisca una media di 5 grammi di microfibre ogni settimana, l’equivalente di una carta di credito.

La campagna non mira semplicemente a denunciare il problema, ma si propone di condividere alcuni semplici ma fondamentali suggerimenti per coinvolgere il pubblico e ispirarlo all’azione, come l’invito a prediligere le fibre naturali nell’acquisto degli indumenti, a limitare i consumi, a leggere attentamente le etichette dei vestiti e a scegliere lavatrici con sistemi di filtraggio in grado di trattenere le microfibre.

I risultati auspicati sono concreti: per questo la campagna si avvale della collaborazione dell’Università delle Marche – Dipartimento di Scienze della Vita e dell’Ambiente e del contributo del Professore Francesco Regoli, già da tempo impegnato sul tema delle microplastiche, per avviare un progetto di ricerca e sperimentazione.

Nel corso del 2023, verrà portata avanti una serie di test specifici attraverso l’utilizzo della lavatrice Grundig dotata del sistema di filtraggio FiberCatcher®, per certificarne il ridotto impatto ambientale in termini di rilascio di microfibre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito è protetto da reCAPTCHA, ed è soggetto alla Privacy Policy e ai Termini di utilizzo di Google.