Olimpiadi del 2020, Tokyo pensa alle strade solari ecologiche

In vista dell’evento di portata mondiale, il Giappone studia la raccolta di energia solare, tramite pannelli installati sotto il manto stradale.

Tokyo vuole presentarsi alle Olimpiadi e Paraolimpiadi del 2020 come città come eco-compatibile, sperimentando nuove tecnologie introdotte in strutture del governo di Tokyo già nel corso del prossimo anno. L’amministrazione metropolitana starebbe infatti valutando la creazione di pavimentazioni che producono elettricità dalle vibrazioni provocate dal passaggio dei pedoni.

Il governo locale si è fissato l’obiettivo di fare in modo che le rinnovabili coprano il 30% del fabbisogno energetico della città entro il 2030, e per iniziare con il piede giusto, lo scorso mese è stata installata una delle prime strade solari nel parcheggio di un centro commerciale. Questo comprende un sistema di pannelli fotovoltaici ricoperti da una speciale resina che consente di migliorarne la durata.

Le strade solari sono già state introdotte sulle autostrade in Francia e sulle piste ciclabili nei Paesi Bassi. Attualmente, il problema dell’introduzione di tale innovazione è relativo al suo costo elevato: dato che la tecnologia non è ampiamente utilizzata, i suoi componenti non vengono prodotti in serie. In Francia ad esempio ci vogliono circa 5 milioni di sterline per creare una strada del genere della lunghezza di un solo chilometro, ma siamo certi che il Giappone riuscirà a raggiungere il proprio obiettivo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito è protetto da reCAPTCHA, ed è soggetto alla Privacy Policy e ai Termini di utilizzo di Google.