Safe Water Cube, l’invenzione che rende possibile l’acqua potabile ovunque

L’accesso all’acqua potabile rimane uno dei problemi più pressanti del pianeta, dal momento che ancora oggi circa 2,6 milioni di persone muoiono per aver ingerito acqua insalubre, mentre nei paesi del terzo mondo donne e bambini sono costretti anche a giorni di cammino per rifornirsi di acqua. Per questo motivo, l’invenzione del Safe Water Cube da parte del francese Jean-Paul Augereau, è estremamente importante e può fornire una soluzione plausibile, scalabile ed esportabile ovunque.

Il Safe Water Cube consiste infatti un un cilindro alto circa un 1 metro e 20 centimetri, in grado di depurare qualsiasi tipo di acqua, senza bisogno di energia ma solo con l’ausilio di una pulizia a base di acqua e aceto. Il cilindro, grazie ai suoi cinque strati di filtraggio, permette di depurare fino a mille litri di liquidi all’ora, semplicemente attraverso una pompa manuale. Ma le buone notizie non sono finite: oltre ad essere universalmente efficace, il Safe Water Cube costa solo 5.500 euro.

Per saperne di più, guarda il video qui sotto:

Comments 6

  1. …non la vedo una idea risolutiva sia per il metodo di funzionamento ( filtri) sia per i territori dove viene istallato. I filtri vanno cambiati periodicamente altrimenti, abbiamo effetto opposto, si contamina invece di igienizzare. Come si vede in foto la sostituzione comporta procedure fatte con strumenti idonei e puliti in ambienti sani e mani pulite, cosa problematica in certi ambienti. Ma i filtri è consigliabile sempre sostituirli. Una soluzione da studiare è l’utilizzo di raggi UV alimentati da pannello solare quindi autonomo, con un sistema a monte tipo osmosi inversa aiutata da “batteri spazzini” che la mantengono sempre pulita. Visionaria o fantascienza questa per me è l’idea

    1. Post
      Author

      Buongiorno,

      grazie per il suo commento! E’ molto interessante questa teoria dei raggi UV per depurare l’acqua: avrebbe qualche esempio di tecnologia già inventata al riguardo? Se ha degli articoli a riguardo, ce li indichi che li pubblichiamo nella prossima newsletter!

      Grazie e buona giornata,

      Il team di WeForGreen

      1. …se ho qualcosa l’ invio. Ma non basta solo la tecnologia UV in quelle condizioni perchè a monte ci vuole un metodo-sistema per ” pulire” l’acqua senza utilizzo di filtri. L’ idea vincente è questa! I raggi UV possono igienizzare da batteri un acqua già parzialmente pulita da sospensioni di vario tipo altrimenti non garantisce nulla. In pratica l’ obiettivo vincente in quelle condizioni territoriali si basa su su 2 parametri: autonomia del sistema- apparecchio / igienizzazione senza intervento dell’uomo! Altrimenti sono troppi i fattori critici che annullano un processo ( pulizia della mani, pulizia delle spazzole per pulire i fitri, contaminazione in fase di pulizia da terra, polvere, scarsa costanza dell’ operatore etc)

        1. Post
          Author

          La ringraziamo ancora per il suo contributo! E se ha qualche notizia, anche su altri temi legati alla sostenibilità ambientale, che ci suggerisce di pubblicare sulla nostra newsletter ce la invii!

          Il team di WeForGreen

          1. …visto il vostro intervento di recupero della centralina idroelettrica di Montoro (VR) chiedevo se avete un programma di sviluppo o quantomeno un progetto in riferimento alla potenzialità dell’ Appennino circa la produzione di energia idroelettrica alla luce di nuovi sistemi e nuove turbine?

          2. Post
            Author

            Buongiorno!

            Al momento non abbiamo progetti nella zona dell’Appennino, ma stiamo valutando altri progetti di idroelettrico di cui daremo a breve notizia sul nostro sito.
            Grazie per l’interesse e il commento!

            Il team di WeForGreen

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito è protetto da reCAPTCHA, ed è soggetto alla Privacy Policy e ai Termini di utilizzo di Google.