WeForGreen: al via i nuovi progetti per ridurre le bollette

È iniziata la raccolta di risorse per realizzare nuove comunità energetiche


La storica cooperativa energetica WeForGreen Sharing ha appena avviato una nuova raccolta collettiva di risorse per finanziare lo sviluppo di due nuovi progetti di autoproduzione: Energia Condivisa #1 e Centenario Lucense. I due progetti prevedono l’installazione di impianti fotovoltaici condivisi su tetti di imprese, generando importanti risparmi sui costi energetici delle stesse, e la costituzione di Comunità di Energia Rinnovabile (CER) locali – come prevede la Direttiva europea RED II, in fase finale di recepimento nella legislazione nazionale. Ciò garantirà una diffusione dei benefici anche a livello locale, con il coinvolgimento di imprese, enti ed associazioni del territorio. Si tratta di un’evoluzione importante per una delle prime esperienze di comunità energetica in Italia.

Gli impianti fotovoltaici condivisi saranno finanziati attraverso la raccolta di capitale sia presso le comunità locali in cui verranno installati, sia a livello nazionale. Per tutti coloro che non possono installarsi un impianto fotovoltaico a casa propria, l’acquisto di quote di impianti è la soluzione che consente di autoprodursi l’energia in maniera conveniente e condivisa. Le quote hanno un valore unitario di 1.000 € l’una e ciascuno potrà acquistarne un numero congruo a coprire in tutto o in parte il proprio costo energetico.

“Il nostro modello è ormai un consolidato motore di generazione di comunità energetiche e di risparmi in bolletta. Negli ultimi 11 anni abbiamo raccolto più di 4,7 milioni € da famiglie in tutta Italia che hanno creduto in noi. Queste risorse ci hanno permesso di installare più di 6.100 kWp di potenza di impianti fotovoltaici condivisi”, racconta il Presidente di WeForGreen Sharing, Gabriele Nicolis. “Ad oggi abbiamo già generato e distribuito in 11 anni di comunità energetiche più di 2,5 milioni € di benefici ai nostri Soci, che hanno permesso loro di abbattere il costo della bolletta, soprattutto in questo periodo di forti rincari del prezzo dell’energia. La nostra sfida attuale è far evolvere il modello al fine di renderlo ancora più capace di rispondere alle esigenze economiche e alle istanze ambientali, che si presentano alle imprese e alle famiglie in questo delicato momento di mercato. La normativa sulle comunità energetiche, che finalmente consolida da un punto di vista giuridico i nostri modelli, è sicuramente una grande opportunità di sviluppo di esperienze come la nostra che puntano al coinvolgimento dei cittadini nella transizione energetica”.

“I nuovi progetti”, aggiunge Riccardo Tessari, Vice Presidente di WeForGreen Sharing, “traggono origine dalle due caratteristiche fondamentali del nostro modello: la forma cooperativa e il radicamento territoriale. Energia Condivisa #1 è promosso assieme a Legacoop Veneto e prevede l’installazione di impianti fotovoltaici sui tetti delle cooperative venete. Centenario Lucense, invece, ha un particolare significato simbolico per noi. Nel 2023, infatti, festeggeremo i 100 anni dalla fondazione a Lugo di Valpantena (in provincia di Verona) della Società  Idroelettrica La Lucense, la prima comunità energetica veronese, a cui i nostri modelli sono ispirati e traggono le origini. Abbiamo voluto festeggiare questa ricorrenza, tornando in Valpantena e individuando realtà in quell’ambito che possano ospitare gli impianti condivisi dei nostri Soci e beneficiare delle riduzioni dei costi energetici connessi”.

La sfida ora di WeForGreen è coinvolgere più persone possibili in questa nuova opportunità di autoprodurre energia pulita e di ridurre i costi della bolletta. La raccolta prevede un obiettivo minimo di 490.000 euro da raggiungere entro il 30 giugno 2023 – la data esatta del centenario dalla costituzione di Lucense.

Se vuoi saperne di più, clicca qui e scopri i nuovi progetti di autoproduzione WeForGreen.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.