Bioplastica una nuova frontiera di settore

Un esempio innovativo Made in Italy 


L’azienda italiana Guzzini, produttrice di articoli di design per la tavola e l’arredo, per festeggiare i suoi 1110 anni di attività,  ha scelto di rendere ancora più sostenibile il suo processo produttivo. Ha sviluppato e realizzato un nuovo pezzo che va a completare una linea dedicata al riciclo di materiali: una caraffa, creata con plastica biocircolare, ottenuta da rifiuti e rimanenze di biomasse vegetali.

Con questo obiettivo si conferma la volontà della società di intrecciare la propria attività, con il benessere del pianeta e delle persone realizzando prodotti utili e rispettosi dell’ambiente. L’azienda punta sull’utilizzo di risorse rinnovabili e recupera le risorse di scarto del primo circolo produttivo per riciclarle e donare loro una seconda vita. Fino ad oggi i prodotti sono stati realizzati in modo tale che fossero privi degli elementi più inquinanti, ma il percorso di ricerca e sviluppo non si è fermato e  ha definito una nuova frontiera nell’innovazione di settore. Focale in questo percorso è la collaborazione con il dipartimento di Chimica dell’università di Camerino, la scuola internazionale di ecodesign e il Consorzio nazionale per la raccolta, il riciclaggio e il recupero degli imballaggi in plastica (Corepla)

“Ci impegniamo a garantire modelli sostenibili di produzione e di consumo, promuovere scelte strategiche di valore condiviso per tutte le comunità in cui operiamo con un approccio che mette al centro Autenticità, Passione per l’eccellenza Responsabilità e Coraggio: i valori che ieri come oggi guidano il nostro percorso e che continueranno a farlo anche in futuro” Domenico Guzzini, Presidente.

Foto di Kelly L da Pexels

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito è protetto da reCAPTCHA, ed è soggetto alla Privacy Policy e ai Termini di utilizzo di Google.