La tua cooperativa energetica sostenibile
Area soci | Aderisci ora
Blog #WeForGreen #Share Innovazione sostenibile Progetti sostenibili

Bollicine di CO2 per purificare le acque reflue

Un metodo più semplice ed economico per sterilizzare l’acqua nei grandi impianti di trattamento. L’accesso all'acqua pulita continua…

04/04/2019
Un metodo più semplice ed economico per sterilizzare l’acqua nei grandi impianti di trattamento.

04/04/2019
L’accesso all’acqua pulita continua a essere un problema serio in gran parte del mondo. Secondo uno studio su cui ha scommesso un gruppo di ricercatori australiani dell’Università del New South Wales (UNSW), la tecnologia a colonna di bolle di CO2 permetterebbe di purificare le acque reflue risparmiando energia.

Il processo, descritto nella pubblicazione su Clean Water , prevede di riscaldare la CO2 e quindi convogliarla in un serbatoio di acque reflue. Risalendo dal fondo del serbatoio fino in superficie, la colonna di bollicine d’anidride carbonica trasferisce calore a ciò che la circonda uccidendo batteri e virus presenti.

A differenza di precedenti tentativi con sistemi simili, il biossido di carbonio non ha bisogno di essere pressurizzato per compiere il lavoro, abbassando dunque i costi energetici del sistema. Negli esperimenti, i ricercatori hanno riscaldato il gas a differenti temperature, quindi lo hanno fatto gorgogliare attraverso una soluzione contenente sale da cucina e batteri E. coli e virus MS2. Il range di temperature più efficace per la depurazione è risultato essere da 100 °C a 205 °C. 

Il team afferma che il metodo ha diversi vantaggi rispetto alle tecniche di sterilizzazione esistenti: maggiore efficienza da un punto di vista energetico, meno pericoli rispetto ai metodi chimici come l’aggiunta di cloro, e maggiore semplicità rispetto all’utilizzo delle radiazioni UV.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito è protetto da reCAPTCHA, ed è soggetto alla Privacy Policy e ai Termini di utilizzo di Google.

Altri articoli che potrebbero interessarti