Come progettare il futuro della società? Le scelte Green sono la soluzione

Come affrontare il futuro? Come progettare il mondo di domani alla luce dei cambiamenti e della crescita della popolazione dei prossimi anni? La soluzione risiede nella società Green, con lo sviluppo di città più economiche, fondate sulla base di criteri di sostenibilità diffusa.

Questo il contenuto del report del New Climate Economy, il quale punta sullo sviluppo di alcuni fattori chiave come soluzione per i problemi futuri che affliggeranno la nostra società. Il focus della ricerca si concentra principalmente sull’efficienza energetica, la quale assumerà un ruolo di fondamentale importanza negli anni a venire. Le rinnovabili passeranno così in primo piano, con i settori eolico e fotovoltaico a guidare la rivoluzione green. Ciò si tradurrà anche nella sostituzione del carbone con nuove fonti di energia verde ecosostenibili, utili ad arginare la deforestazione planetaria, favorendo il miglioramento del clima mondiale e diminuendo i rischi del surriscaldamento globale. Tra le proposte, una maggiore tassazione verso chi utilizza il carbone, favorendo così il passaggio alle energie pulite.

Gli investimenti della società dovranno inoltre essere indirizzati verso chi produce innovazione. Tecnologie e idee dovranno essere fortemente supportate dallo stato, in modo da superare i vecchi modelli di business, inadatti alla società ed ai problemi del futuro. Anche l’agricoltura dovrà essere rivoluzionata, tramite la ricerca di nuovi modelli di produzione, con l’innesto di tecniche di coltivazione moderne e efficaci, in grado di sfamare una popolazione che, secondo le stime, si aggirerà entro il 2030 attorno a 8 miliardi di unità.

Il report si è chiuso con le parole di Felipe Calderón, presidente della Global Commission on the Economy and Climate: “Le decisioni di oggi determineranno il futuro della nostra economia e del clima di domani. Se scegliamo investimenti low-carbon possiamo generare da subito una crescita forte e di qualità. Se continuiamo sulla strada attuale invece si genereranno solo rischi alla prosperità a lungo termine”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.