I funghi, alleati nell’isolamento acustico

L’innovazione nell’ambito dei materiali fonoassorbenti deriva da una scoperta dell’istituto tedesco Fraunhofer.


I funghi sono il materiale del futuro per l’isolamento acustico. Julia Krayer, project manager di Fraunhofer, ha scoperto le proprietà fonoassorbenti del micelio che è il corpo vegetativo dei funghi. Grazie a questa scoperta, sarà possibile isolare le nostre case e gli ambienti di lavoro in maniera ecologica ed efficace.

I miceli necessari vengono coltivati in laboratorio e intrecciati ad altri materiali quali paglia e legno. Successivamente gli viene data la forma desiderata grazie a una stampante 3D. Vengono poi lasciati crescere in modo che formino una struttura solida assieme ai materiali naturali a cui sono intrecciati. Infine, quando la struttura che si è creata risulta robusta e resistente, la loro crescita viene interrotta attraverso l’uso di un essiccatoio.

Il materiale ricavato da questo processo risulta abbastanza poroso da riuscire ad assorbire i suoni e allo stesso tempo fa del bene all’ambiente andando a sostituire i normali materiali assorbenti che sono composti di fibre sintetiche.

Inoltre, la struttura costituita dall’intreccio dei miceli con la paglia e il legno è molto solida e i ricercatori stanno lavorando in modo di renderla il più sottile possibile così da riuscire a sfruttare il materiale in maniera ancora più efficiente.

Foto di adege da Pixabay

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *