Stazioni di ricarica Green’Up: mobilità elettrica innovativa

Le colonnine premium firmate BTicino


La mobilità elettrica si sta diffondendo anche in Italia e molte aziende lavorano ogni giorno per creare materiali e soluzioni che siano sostenibili ed efficienti. BTicino, azienda metalmeccanica italiana fondata a Varese nel 1936 e acquisita in seguito dal gruppo industriale francese Legrand, ha realizzato delle nuove stazioni di ricarica chiamate Green’Up. 

Oltre alla sicurezza, Green’Up vanta funzioni innovative come la possibilità di gestire e controllare la ricarica del proprio veicolo anche a distanza, attraverso un’applicazione creata appositamente. EV Charge è l’applicazione in oggetto ed è utilizzabile direttamente dal proprio smartphone, tablet o pc.  Le innovative stazioni di ricarica, sono adatte a tutti gli ambienti, residenziali, aziendali  e luoghi pubblici, sono state testate per resistere a urti ed agenti atmosferici. Green’Up Premium è adattabile a qualunque veicolo elettrico e garantisce tempi di ricarica ridotti, inoltre grazie all’applicazione EV Charge è possibile analizzare e controllare il proprio consumo di energia elettrica, gestire la ricarica dell’auto direttamente da smartphone, tablet o pc, oltre a programmare l’orario in cui avviare la ricarica del veicolo. 

“Con il nuovo sistema di ricarica dei veicoli elettrici Green’Up, abbiamo voluto unire la sicurezza, la resistenza e la semplicità di utilizzo all’elemento smart, nostro tratto distintivo – ha dichiarato Paolo Gaboli Direttore Marketing Bticino – Controllare il consumo di energia e gestire la ricarica dell’auto elettrica, anche da remoto, direttamente da smartphone, tablet o pc, è il vero valore aggiunto che offriamo. Al centro della svolta ecologica legata al trasporto privato a zero emissioni ci sono i dispositivi con i quali ricaricare le batterie delle vetture elettriche in casa e in azienda e BTicino vuole offrire il proprio contributo rendendone l’utilizzo il più comodo e facile possibile”.

Foto di andreas160578 da Pixabay

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *